Google aggiorna le sue linee guida per i Webmaster in Search Control

Google aggiorna le sue linee guida per i Webmaster in Search Control

Google ha una lunga serie di linee guida per i Webmaster, queste sono indicazioni su come migliorare il proprio sito, ottimizzarlo per la ricerca operando in Google Webmaster Tool o Search Control

Di recente le linee guida per i Webmaster di Google sono state aggiornate, ed ogni volta che questo avviene è sempre molto interessante capire cosa è stato aggiunto e cosa è stato rimosso.

La maggior parte dei nuovi cambiamenti non sono proprio una novità, erano già stati comunicati, ed ora materialmente sono stati inseriti all’interno delle linee guida.

google linee guida webmaster search console

Cosa sono le linee guida per i Webmaster di Google?

Per rispondere a questa domanda e comprendere l’importanza delle linee guida di Google è sufficiente partire dall’inizio, leggendo proprio la prima riga:

Ti consigliamo di attenerti alle seguenti Istruzioni generali per consentire a Google di trovare, indicizzare e posizionare il tuo sito.

Quanto si legge è in assoluto l’informazione più importate (anche perché risulta chiarissima), si tratta dell’indicazione principale per assicurarsi che Google possa inserire il nostro sito nel motore di ricerca, ma è anche interessante soffermarsi su quanto si legge subito dopo:

Ti consigliamo di prestare particolare attenzione alle Norme sulla qualità che seguono, che descrivono alcune pratiche illecite che possono comportare la completa rimozione di un sito dall’indice Google oppure un’azione manuale antispam o algoritmica sul sito. Se un sito è stato sottoposto a un’azione antispam, potrebbe non essere più visualizzato nei risultati di Google.com o in qualsiasi sito partner di Google.

A quanto pare in questo ultimo aggiornamento Google precisa con forza che tutte le pratiche illecite come azioni manuali o algoritmiche si spam (ad esempio) potrebbero incidere a tal punto da portare alla completa rimozione del sito dall’indice di Google e dei siti partner.

Le nuove linee guida per i webmaster di Google

Vediamo in questo aggiornamento delle linee guida per i webmaster, quali sono i nuovi punti integrati. Di seguito un elenco degli elementi completamente nuovi integrati nelle linee guida:

Nuove linee guida su HTTPS

Nelle nuove indicazioni presenti nelle linee guida su HTTPS per webmaster, Google indica chiaramente come “buon pratica” quella di fornire all’utente interazioni crittografate con il nostro sito web.

Non solo, se ci guardiamo in giro, sono innumerevoli i segnali e gli articoli che Google ha disseminato, indicando il passaggio ad HTTPS come un fattore che incide positivamente sul rank del nostro sito. Nel blog ufficiale di Google Webmaster Central Blog sono stati rilasciati diversi articoli in merito, HTTPS as a ranking signal oppure ancora di recente Indexing HTTPS pages by default

Google in merito ad HTTPS sembra voler andare oltre, è possibile leggere in questo articolo a firma di  LORENZO FRANCESCHI-BICCHIERAI, che nei prossimi aggiornamenti di Google Chrome i siti web non crittografati verranno segnalati chiaramente all’utente. La volontà è quella di indicare all’utente che l’HTTP non fornisce sicurezza per i propri dati a differenza di HTTPS.

Nuove linee guida per rendere il vostro sito web mobile-friendly

Nella nuova linea guida su mobile-friendly Google indica ai webmaster di progettare siti web per tutti i dispositivi desktop, tablet e smartphone.

Mette inoltre a disposizione un tool per la verifica di compatibilità dei siti web con dispositivi mobile, che fornisce un feedback su ciò che è stato progettato correttamente e quanto deve essere ancora ottimizzato, per raggiunge una visualizzazione e funzionalità ottimale su dispositivi mobili.

In realtà questa non è una novità, sono circa 2 o 3 anni che Google rilascia indicazioni ai webmaster in merito alla fruibilità di contenuti web ottimizzati per gli utenti che navigano da dispositivi mobili. Il web ha visto esplodere i temi responsive e relativi framework che forniscono a sviluppatori e webdesigner la possibilità di creare siti web con contenuti accessibili per tutti i dispositivi.

Inoltre nelle ultime settimane oltre all’aggiornamento delle linee guida, ritroviamo all’interno di Search Control anche una nuova sezione dedicata alle pagine AMP – Accelerated Mobile Pages, tecnologia che consente di fornire contenuti web ottimizzati per il mobile rendendo le pagine notevolmente più leggere per i dispositivi smartphone.

Nuove linee guida su Accessibilità

Nelle nuove linee guida sull’accessibilità possiamo chiaramente percepire la volontà Google di spingere i webmaster a rendere più accessibili i contenuti importanti del sito web. Come sappiamo attraverso i crawler Google ha la capacità di raggiungere anche contenuti nascosti, come schede o elementi in sezioni in espansione all’interno degli elementi della navigazione, ma precisa che si dovrebbe fare di più per rendere fruibili tutti i contenuti più importanti rendendoli visibili nella pagina predefinita.

In un altra sezione delle linee guida sull’accessibilità parlando di attributi alt  e tag <title>, Google indica al webmaster di assicurarsi di assegnare a questi elementi <title> e alt descrizioni univoche, precise e dettagliate

L’importanza di scrivere correttamente questi attributi è ormai nota in ambito Seo, ma spesso si punta all’utilizzo di plugin che automatizzano questa fase di scrittura e probabilmente Google punta proprio a scoraggiare questa pratica.

Aggiornamenti delle linee guida per i webmaster di Google

Accanto alle nuove sezioni delle linee guida per i webmaster, troviamo diversi aggiornamenti relativi a quelle già esistenti. Di seguito diamo uno sguardo alle più importanti:

Aggiornamento link e struttura del sito

Prima di questo ultimo aggiornamento avevamo:

Realizzare un sito web con una chiara gerarchia e link testuali. Ogni pagina dovrebbe essere raggiungibile da almeno un link testuale statico.

mentre ora Google scrive:

Assicurarsi che tutte le pagine del sito possano essere raggiunte da un link proveniente da altre pagine “trovabili”. Il link di riferimento dovrebbe includere testo o, per le immagini, l’attributo alt, che è rilevante per la pagina di destinazione.

Google indica al webmaster di fornire informazioni attraverso una gerarchia di pagine concettualmente chiare.

Non solo assicurarsi che ogni pagina possa essere raggiungibile attraverso link chiari e non nascosti, ma fornire all’utente una gerarchia di pagine concettualmente funzionali.

Aggiornamento XML e HTML Sitemaps

Anche qui leggiamo nuovi aggiornamenti:

Fornire un  file per la mappa del sito o sitemap con link che puntano alle pagine importanti del tuo sito. Fornire anche una pagina con un elenco leggibile di link a queste pagine (a volte chiamato indice del sito o una pagina mappa del sito).

Offrire una mappa del sito per gli utenti con link che puntano alle sezioni più importanti del tuo sito. Se la mappa del sito ha un numero estremamente elevato di collegamenti, si consiglia di interrompere e dividere la mappa del sito in più pagine.

Come per alcuni dei punti citati sopra, anche in questo caso per XML e HTML Sitemap, gli aggiornamenti delle linee guida per i webmaster, vanno a perfezionare concetti già ampiamente consolidati.

Conclusione sull’aggiornamento delle linee guida per i webmaster di Google

La direzione in cui Google si muove non cambia, le nuove linee guida di Google per i webmaster rafforzano il concetto di progettare siti web che danno maggior valore all’utente.

Un valore espresso appunto dalla volontà di fornire al nostro utente:

  • un sito web sicuro, attraverso interazioni crittografate
  • un sito web mobile-friendly navigabile da qualsiasi dispositivo
  • un sito web che fornisce contenuti concettualmente chiari e facilmente raggiungibili, attraverso una struttura gerarchica fluida e semplice